Recensione pneumatico Michelin Alpin 3 | michelin alpin 3 gomma pneumatico

Potremmo tranquillamente dire ad ogni pneumatico la propria stagione volendo introdurre le potenzialità dello pneumatico Michelin Alpin 3.

Gli obblighi derivanti dalle ormai in vigore ordinanze sugli pneumatici invernali datate 15 ottobre ne condizionano sicuramente la messa in opera ma a condizionare realmente la scelta dovrebbe essere la maggior sicurezza che un pneumatico invernale offre in determinate condizioni meteorologiche.

Oggi le gomme Michelin Alpin 3 rappresentano un prodotto di avanguardia dalle caratteristiche molto interessanti capaci di prestazioni di tutto rispetto.

Si sa che gli pneumatici invernali presentano caratteristiche differenti dai normali pneumatici estivi a partire dal differente disegno del battistrada e la di versa concezione della mescola,  quest’ultima capace di ottenere performance migliori a temperature molto basse.

In Michelin lo studio dello pneumatico ideale parte da considerazioni su incidenti e condizioni climatiche e su come queste ultime possano influire sulla sicurezza di guida. Vengono analizzati quanti sinistri vengono provocati dalle condizioni avverse del manto strada e secondo quali fattori specifici.

Michelin Alpin 3, caratteristiche di sicurezza

Alla base della linea Alpin di Michelin c’è la volontà di ottenere pneumatici adatti a rendere sicura qualsiasi tipologia di vettura durante la stagione invernale. Come si diceva già in precedenza, questa volontà è coadiuvata da precisi test e ricerche anche su fattori che potrebbero sembrare irrilevanti.

I dati raccolti hanno permesso di racchiudere nella gomma Michelin Alpin 3 uno speciale pneumatico ideale per le condizioni climatiche e di temperatura riscontrabili in Europa, rendendolo un pneumatico di riferimento per il mercato europeo.

Il disegno del battistrada dell’Alpin 3 presenta una scultura fortemente direzionale in aggiunta ad una buona percentuale di tassellatura. Il tasso di intaglio risulta essere nettamente superiore rispetto agli altri pneumatici della stessa serie con un ulteriore incremento dei settori della scultura capaci di garantire performance di tutto rispetto sulla neve aumentando la trazione complessiva, già su ottimi valori grazie ad una nuova tipologia di mescola, a base di silice e olio di girasole, che permette peraltro un generale aumento della precisione di guida.

Il particolare disegno dei canali diminuisce il rischio di acquaplaning vista la maggiore capacità di smaltire l’acqua.

A ottimizzare le capacità dello pneumatico ci pensa anche la Tread Compound Technology che unisce un funzionamento impeccabile alle basse temperature con un buon livello di efficienza energetica.

Dimensioni disponibili e altre caratteristiche

Quello che stupisce dell’Alpin 3 è sicuramente la proverbiale silenziosità garantita con un livello di rumorosità dichiarato da Michelin pari a 71 dB, piuttosto basso frutto di un’ottima cura riservata alla resistenza al rotolamento, caratteristica che permette inoltre una maggiore percorrenza chilometrica. Percorrenza che si attesta a circa il 25% in più rispetto ai principali concorrenti presi in esame.

Ad oggi le principali dimensioni disponibili sono le seguenti:

  • 155/65 R 14 75 T
  • 165/65 R 14 79 T
  • 185/65 R 14 86 T
  • 175/70 R 14 88 T XL
  • 185/70 R 14 88 T

Un altro dato di particolare interesse viene fornito dall’aspetto relativo alla frenata e agli spazi di arresto; gli Alpin 3 impiegano in media spazi di frenata ridotti del 5% rispetto ai precedenti modelli. La percentuale si riferisce a dei test condotti da autorevoli enti automobilistici di certificazione quali il TÜV Sud Automotive e il TÜV UVMV; la riduzione degli spazi di frenata è garantita dalla particolare mescola adottata di cui si era parlato già in precedenza. Allo stesso tempo migliorano anche le performance in curva garantendo stabilità ai massimi termini e spostando notevolmente la soglia dell’acquaplaning.

In presenza di strada ricoperta da manto nevoso gli Alpin 3 garantiscono una capacità di avanzamento in partenza superiore, in rapidità, del 9% rispetto a quella precedentemente testata con pneumatici della generazione precedente. Il grip superiore garantito sulla neve è opera della particolare morbidezza della mescola che permette livelli di trazione superiori.

Conclusioni

L’etichetta europea prevede valori che vanno dalla E alla F per la voce risparmio di carburante, variabile in base alle misure disponibili, valori che si attestano sulla C per l’aderenza sul bagnato e 71 dB, già discusso in precedenza, per il rumore di rotolamento esterno.

Il capitolo prezzi non riserva cattive sorprese per il portafoglio; considerate le caratteristiche molto interessanti del prodotto i prezzi sembrano contenuti se si pensa che ci si può portare casa un Michelin Alpin 3 per circa 70 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *